Violenza sulle donne: Strasburgo condanna l’Italia Tutta la Città ne Parla

Per sentire l’audio clicca qui

tratto da rai.it

Elisaveta ha perso il figlio, ucciso dal marito mentre tentava di difenderla dalle coltellate. Anni di violenza domestica, anni in cui un intero sistema non è riuscito a fermarla. Per questo l’Italia è stata condannata dalla corte di Strasburgo, per questo è importante potenziare i centri antiviolenza.

Gli ospiti di oggi:
Titti Carrano, presidente della associazione nazionale “Dire” (Donne in Rete contro la violenza) è fra le associazioni promotrici della manifestazione nazionale Non Una Di Meno. ha seguito la causa a strasburgo di Elisaveta Talpis con l’avvocata Sara Menichetti
Stefano Piziali,  Responsabile Programmi Italia di WeWorld – che è responsabile del progetto di ricerca “Violenza sulle Donne. Non c’è più tempo”
Anna Verdelocco , operatrice sportello  antiviolenza della cooperativa BEFREE – ospedale san Camillo
Rossana Scaricabarozzi, responsabile del programma per i diritti delle donne di ActionAid Italia dal 2011,coordina il monitoraggio dei centri Antiviolenza. Si occupa di attività di ricerca e lobby, in particolare nell’ambito della prevenzione e del contrasto alla violenza di genere e dell’empowerment economico delle donne.
Roberto Mete, avvocato difensore del marito di Elisaveta Talpis.

Per sentire l’audio clicca qui

Elenco Audio