#‎AtlantideResiste‬

Ci continuiamo a chiedere quale sia la logica che il comune di Bologna adotta nel portare avanti la volontà di sgombrare uno spazio come quello di Atlantide, uno spazio che dal 1997 produce cultura, socialità libera e autorganizzata. Non capiamo come sia possibile che il comune di Bologna non riconosca l’incredibile ricchezza delle diverse esperienze che vivono e si incontrano dentro ad Atlantide, praticando un reale confronto nell’autogestione dello spazio.

Atlantide rivendica la sua orgogliosa diversità e noi non possiamo che esprimete tutto il sostegno e la solidarietà possibile, anche e proprio perchè riconosciamo l’enorme valore che hanno le scelte diverse.

Riteniamo l’autogestione e l’autorganizzazione fuori dalle logiche del profitto e del volontariato pratiche di vitale importanza politica.

Atlantide è un bene collettivo e non solo: è un favoloso bene collettivo di cui non vogliamo fare a meno per nessun motivo. Tanto meno quando si invoca  la “riqualificazione”  di un’esperienza che più “qualificata” di così non si può.
Anche BeFree si muove perchè Atlantide resti dov’è ed invita tutte le realtà e le diverse soggettività a farlo ed a firmare la petizione http://www.autistici.org/atlantideresiste/


 

Questa voce è stata pubblicata in Archivio documenti, Articoli, Comunicati. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *