RIAPRE SPORTELLODONNAH24 PRONTO SOCCORSO SAN CAMILLO

                                                   

DOPO UNA PICCOLA PAUSA RIORGANIZZATIVA RIAPRE SPORTELLODONNAH24 NEL PRONTO SOCCORSO DELL’OSPEDALE SAN CAMILLO!

Dal 12 marzo 2018 le operatrici specializzate di Befree continueranno ad offrire il loro sostegno alle donne che si rivolgono alle cure mediche dopo aver subito atti di violenza di genere,

e lo faranno giorno e notte, per 365 giorni all’anno,

e lo faranno con la grande competenza costruita in 9 anni di lavoro frontale e di collaborazione con l’Azienda Ospedaliera San CamilloForlanini.

SPORTELLO DONNA comincia la sua attività nel 2009, sulla scia di evidenze nate da una forte esperienza pregressa delle operatrici di Befree nei servizi antiviolenza,

che si incrociano con la sensibilità di un Ospedale consapevole e orientato a proporre e validare pratiche innovative.

Perchè quasi tutte le donne che sono state picchiate dal partner al punto di dover andare al pronto Soccorso dichiarano di essersi fatte male incidentalmente?

Perchè l’Ospedale non riesce ad accoglierle, a rassicurarle, ad aiutarle a mettersi in salvo?

In questi (quasi) 9 anni, SPORTELLODONNA ha sostenuto più di 3.500 donne che, “capitate” al servizio nell’acuzie di percosse subite (di norma, dal partner/ex-partner), hanno avuto l’opportunità di un sostegno specialistico (psicosociale, psicologico, legale, educativo…)

Ma altre buone pratiche si sono realizzate:

Una crescente sinergia con operatori del Triage, del Pronto Soccorso, dei Reparti, e, successivamente, la creazione di un Tavolo Antiviolenza, voluto dalla dott.a Maura Cossutta, Responsabile per l’ospedale Culturalmente Competente.

A questo tavolo hanno partecipato:

il Direttore Generale, il Direttore Sanitario, il Direttore Amministrativo, il Primario del Pronto Soccorso Generale, il Primario del pronto Soccorso Ostetrico-Ginecologico, il Primario del pronto Soccorso Pediatrico, Caposala e Infermiere dei PS, il Responsabile del sistema GIPSE, la Responsabile del Laboratorio di Microbiologia e Virologia, la Responsabile del laboratorio di Genetica forense, , il Responsabile del Laboratorio di Tossicologia,   il Responsabile per il Risk-Management, le Psicologhe dell’Emergenza, il Medico legale.

Obiettivo di questo lavoro era la creazione di  un format condiviso che facilitasse l’emersione dei casi di violenza di genere fin dalla fase del Triage, e definisse il ruolo di ciascuno (Triagisti, medici, infermieri, operatrici di BeFree) nel percorso ottimale.

Da questo lavoro, sono state elaborate le PROCEDURE AZIENDALI PER LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE, deliberate dalla Direzione Generale e divenute riferimento ineludibile per la presa in carico delle donne che esperiscono violenze.

Dopo tutto questo lavoro comune, il San Camillo ha voluto INCLUDERE questa pratica d’eccellenza nella sua pratica di sostegno medico olistico, attento, articolato, ed ha deliberato di sostenere SPORTELLODONNAH24 anche finanziariamente.

Dopo una pubblica indizione di Bando, che BeFree ha vinto, DA OGGI SPORTELLODONNAH24 è una realtà.

UNA REALTA’ INNOVATIVA, CHE METTE AL CENTRO DELLE PRATICHE MEDICHE L’ATTENZIONE PER IL SOCIALE, E CHE CONSENTE AL SOCIALE DI INTERAGIRE IN MANIERA INTEGRATA CON LA STRUTTURA OSPEDALIERA.

SPORTELLODONNAH24 è diventato un format, che sa coniugare le esigenze di cura delle donne in acuzie di un problema fisico provocato da aggressioni con la sapienza di un approccio empatico, non giudicante, capace di condiurre le donne … verso l’uscita dalla violenza.

Ringraziamo We World per averci sostenuto in questi anni e per continuare a farlo anche adesso cofinanziando il nostro progetto.

Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *